“Una volta, passando davanti ad una porta socchiusa, ho sentito il pianto disperato di un bimbo; mi sono affacciata con discrezione e ho visto il papà che teneva in braccio il piccolo. Mi ha confidato la sua ansia, era sudato, guardava il bambino non sapendo come calmarlo, e la sua agitazione non aiutava a tranquillizzare il bambino. Sorridendo gli ho chiesto se potevo prenderlo in braccio. Lui mi ha passato il figlio sollevato, e io ho iniziato a cullarlo cantando sottovoce una ninna nanna, e con l’aiuto del ciuccio sono riuscita ad addormentare il piccolo poco prima che tornasse la mamma. Il ricordo dei loro ringraziamenti mi fa sorridere ancora.”

R.P. volontaria ABIO dal 2015

La presenza discreta, l’approccio rispettoso e un sorriso sincero, possono aprire una porta e portare un po’ di supporto alle famiglie dei bambini e dei ragazzi ricoverati in ospedale. Sostenendo ABIO, aiuti i volontari a garantire la presenza quotidiana in reparto.

Vuoi sostenere i volontari ABIO? Scopri i 10 modi per sostenerci: tutti possono aiutarci, anche da lontano, anche con poco tempo a disposizione (qui).