Il 6 Ottobre è stato un grande giorno per i nostri bambini: abbiamo portato la ceramica in corsia, il draghetto Thun è arrivato!

Grazie a Fondazione Contessa Lene Thun ONLUS , ASST Papa Giovanni XXIII e l’equipe di Chirurgia Pediatrica, è stato istituito il laboratorio permanente di ceramico-terapia che seguiremo con un gruppo di nostri volontari.

I bambini e i ragazzi che vogliono partecipare al laboratorio, mettono le mani nella terra sperimentando gesti antichi e ancestrali e creando opere di terracotta uniche e irripetibili.

L’argilla è generosa: si lascia manipolare regalando da subito una sensazione di benessere e piacevolezza, divertimento e sorpresa. L’argilla libera emozioni, esorcizza paure, favorisce la comunicazione, il contatto, la socializzazione.

Il laboratorio, da un grande aiuto a tutti noi operatori e volontari che, insieme, vogliamo prenderci cura globalmente dei piccoli pazienti. Siamo orgogliosi di poter dare il nostro contributo per realizzare tutto questo. Abbiamo già le prime opere realizzate dai bambini e sono bellissime, così come meravigliose sono state le ore passate con loro come “assistenti scelti”.

 

(foto: archivio ABIO / cartella stampa Fondazione Contessa Lene Thun. La foto del drago accompagna le parole di Peter Thun, figlio di Lene Thun e fondatore di Contessa Lene Thun Onlus: “L’argilla è un materiale naturale, povero e semplice che può trasformarsi però in un drago, compagno di giochi di un piccolo paziente malato, per difenderlo dalla malattia che lo affligge ogni giorno, costringendolo in un letto i ospedale”)