Bucce di banana e resti alimentari abbandonati, pannolini usati e bottigliette vuote, giochi sparpagliati, rubati o rovinati, decori strappati e dispersi.

Spesso il nostro servizio è una corsa a ostacoli. Non vogliamo certo rispetto per noi, ma lo pretendiamo per i bambini e i ragazzi ricoverati, che in quelle sale e con quei giochi trovano un po’ di sollievo durante il ricovero.

Ogni giorno, in ogni turno, ricominciamo da capo: sistemiamo, aggiustiamo, portiamo giochi nuovi anche grazie ai nostri sostenitori, e alle mamme e ai bambini che ci donano giocattoli per i reparti. Vediamo chi si stufa prima. Maleducati: non ci avrete!